VUOI RIATTIVARE IL TUO ACCOUNT? - Puoi trovare le istruzioni per riattivare il tuo account del vecchio forum qui:

app.php/riattivazione-account

Bici elettrica... quale?

Uno sguardo al domani, da costruire oggi. Comiciamo a raccogliere informazioni, opinioni e idee, cercando di capire quello che succede e se possibile contribuire a definire i contorni della moto che verra'.
Avatar utente
Misso
Messaggi: 1676
Iscritto il: gio 03 dic, 2009 1:49 pm
Località: Parma --- BetaAlpenstein250, ApriliaPegasoTrail660

Bici elettrica... quale?

Messaggio da Misso » ven 23 ago, 2019 1:13 pm

Nei miei giri per sentieri mi imbatto sempre più spesso in bici elettriche. Quando chiedo informazioni però ottengo o risposte evasive (proprietari incompetenti che hanno fatto l'acquisto a caso) o risposte "spigolose" (proprietari "puristi" che sembrano a far fatica a parlare con un "dinosauro inquinatore" come me ancora legato all'idrocarburo oppure proprietari "fidelizzati" che si sperticano in lodi infinite sul loro mezzo e bannano come ciofeche tutto il resto della produzione mondiale...).

Insomma non trovando mai uno che mi dedichi 10 minuti per darmi un giudizio obiettivo del panorama "off e-bike", mi rivolgo al forum per avere qualche dritta… :mrgreen:

Avatar utente
coos66
Messaggi: 156
Iscritto il: dom 14 nov, 2010 10:46 pm
Località: Parma - Moto: Beta Alp 125 Yamaha WR125R

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da coos66 » ven 23 ago, 2019 5:02 pm

Qualche settimana ho parlato con un tizio incontrato in trattoria in montagna, lui con e-bike TREK ed io in moto, abbiamo parlato a lungo delle e-bike e ricordo bene un passaggio del suo ragionamento riguardante la rapidissima evoluzione/obsolescenza di queste bici, lui sosteneva che gran parte delle case sfornano aggiornamenti tecnici sostanziali con cadenza semestrale e quindi il valore dei mezzi crolla a pochi mesi dall'acquisto.
A suo dire la TREK, oltre ad avere telai e sospensioni decisamente superiori ad altre marche soffrono molto meno il deprezzamento.
Ti ringrazio per aver aperto questa discussione, anche io sto cercando di informarmi in vista di una possibile e sciagurata chiusura delle carraie ai mezzi a benza.
Ciao
Andrea
... se coos, a coslèma!

Avatar utente
Misso
Messaggi: 1676
Iscritto il: gio 03 dic, 2009 1:49 pm
Località: Parma --- BetaAlpenstein250, ApriliaPegasoTrail660

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da Misso » ven 23 ago, 2019 5:36 pm

Di questa veloce evoluzione ne avevo il sentore perché ogni volta che vedo una bici nuova noto particolari che fanno sembrare preistorica la precedente! Io sto interessandomi perché la vedo come un mezzo interessante per quei giretti da un paio d'ore fra le carraie intorno alla Cisa nei periodi in cui non ho l'Alp assicurata oppure quando la presenza di pedoni (p.e. settimane centrali di Agosto) nei sentieri classici della zona è frequente e la moto, anche se usata con discrezione e criterio, disturberebbe troppo. Quest'anno ho fatto qualche timido tentativo con la mountain bike classica , ma a cinquant'anni suonati ormai manca la gamba... :notme: :mrgreen:

radio nezz
Messaggi: 1144
Iscritto il: gio 13 dic, 2012 11:03 pm
Località: provincia di Torino

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da radio nezz » ven 23 ago, 2019 7:03 pm

Io vado in mtb da quasi trent'anni e da due anni sono passato alla e-mtb, qualcosina posso anche dirvela ma vi avviso che se entrate in questo mondo non ne uscite più, in tutti i sensi :snook: . Il mondo delle nostre motorette è di una semplicità estrema se confrontato a quello delle bici, li ci sono centinaia di marche, formati ruota diversi e diversificati (27,5" - 27, 5" Plus - 29") , tipologie di bici per ogni utilizzo (downhill, enduro, all-mountain, trail...), forcelle/ammortizzatori con escursioni diverse a seconda dell'utilizzo, almeno 4 motori (i più in voga) con caratteristiche diverse fra loro (Shimano, Bosch, Brose, Yamaha), batterie di vari wattaggi che determinano l'autonomia, batterie esterne, interne, fisse o removibili, bici front o full,...devo continuare?

Non ha senso, secondo me, cosi a freddo, consigliare una marca piuttosto che un'altra, ce ne sono un'infinità, bisognerebbe prima capire il tipo di utilizzo, i tipi di percorsi, la durata delle uscite (si questo lo hai detto Misso, 2 ore), la spesa che si vuole/può affrontare, nuova o usata?
Una cosa che mi sento di consigliare assolutamente per chi arriva dalla moto, anche se è banale, è che sia una full (ovvero biammortizzata).
Secondo me dovreste farvi un giretto da un concessionario vicino (meglio ancora se conosciuto e con esperienza) e vedere cosa ha in casa, è facile trovare occasioni di bici dell'anno precedente a prezzi ribassati, oltre che usati interessanti. E poi non mi fisserei troppo su un marchio, vanno tutte bene ma bisogna capire cosa fa per noi.

Insomma è un casino, ma era così tanto per imbastire il discorso :bye:
Multi..datato *44*

radio nezz
Messaggi: 1144
Iscritto il: gio 13 dic, 2012 11:03 pm
Località: provincia di Torino

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da radio nezz » ven 23 ago, 2019 7:44 pm

Intanto, se volete farvi un'idea del merdone nel quale rischiate di cacciarvi, potete dare un'occhiata qui: [url]https://www.emtb-mag.com[/url, è il forum di riferimento delle e-mtb, sono iscritto anch'io. Poi però non dite che non vi avevo avvisato :mrgreen: ..
Multi..datato *44*

Avatar utente
Misso
Messaggi: 1676
Iscritto il: gio 03 dic, 2009 1:49 pm
Località: Parma --- BetaAlpenstein250, ApriliaPegasoTrail660

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da Misso » sab 24 ago, 2019 10:40 am

Utilizzo "enduro", "all-mountain", "trail".... ovvero? :?:

La mia idea è quella di girare nelle carraie /strade bianche con pendenze ancora umane (diciamo al limite per una dual ben tassellata), magari aggiungendo i vari trasferimenti su asfalto per raggiungerle. I fondi che immagino soni i classici ghiaiati/ciottolosi e le strade in terra battuta (che con la pioggia diventano fangaie infernali), tipiche dell'appennino parmense. Le percorrenze sarebbero dai 20 ai 40km con dislivelli massimi di 600-700 m. Per la spesa, non saprei proprio cosa dire: conosco persone che hanno investito cifre considerevoli in e-bike (il costo di un discreto trial nuovo e questo per il momento per me lo ritengo eccessivo), altre che hanno speso un migliaio di euro alla Decathlon (Rockrider e st-500) e sono felicissimi…

Insomma, ho la sensazione di aver aperto il vaso di Pandora.. :notme:

radio nezz
Messaggi: 1144
Iscritto il: gio 13 dic, 2012 11:03 pm
Località: provincia di Torino

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da radio nezz » sab 24 ago, 2019 3:16 pm

Le bici da enduro sono un pò meno esasperate di quelle da downhill perché devono consentire di essere usate anche in salita, però rimangono aggressive con angolo di sterzo molto aperto ed escursioni della forcella generose, in media 160 mm, quindi sono fatte per andare forte in discesa e per fare salti…eviterei.
L’all mountain invece è cicloturismo in montagna, l’equivalente del trekking a piedi insomma.
Forcella da 140/150 mm, decisamente più improntate alla salita pur conservando ottime qualità discesistiche. Sono fatte per giri di ampio respiro, ma senza velleità agonistiche, poi nulla vieta di usarle anche per giri a corto raggio, per i quali sono forse più indicate bici da trail, che hanno escursioni tra i 120 e i 150 mm, bici ancora più improntate alla salita e con misure ed angoli che le rendono un pochino più reattive e “nervose”. Tra queste ultime forse si trova la scelta più ampia, perché si và da quelle che sono praticamente delle all-mountain a quelle più improntate all’ xc ( cross country, la mtb tradizionale).
Lo so, è un pò incasinata come descrizione, ma è per dare un’idea di massima.
Ad un motociclista, comunque, consiglierei bici con escursioni di almeno 140/150 mm, perché per quanto uno possa andare tranquillo è chiaro che una escursione maggiore garantisce più sicurezza, e ti assicuro che quando scendi da un gradino roccioso anche un cm in più ti dà un’altra garanzia.

Per le distanze che dici di volere affrontare non hai il minimo problema con qualsiasi motore e batteria, anche la meno capiente, quindi in questo senso non devi scervellarti più di tanto.
Per farti un esempio, io ho una Focus Jam2 con motore Shimano e batteria integrata proprietaria da 378 w/h, la più piccola in commercio, con quella riesco a fare giri di poco superiori alle tre ore, una sessantina di km e 1500 mt di dislivello +. Con dislivelli inferiori arrivo anche più di 70 km e circa tre ore e mezza.
Le batterie in genere sono da 500 o 625 w/h, quindi per i tuoi giri sei ampiamente a posto, anche se vedrai che l’appetito verrà mangiando.. ;)

Per la spesa posso dirti che come prima e-mtb magari non è il caso di investire cifre considerevoli (anche se considerevoli lo sono in ogni caso..) ma nemmeno andare su quelle da mille euro…

Se hai la possibilità (amici, noleggio, bici demo dai venditori) provane qualcuna, così tanto per avere un idea anche sui motori. In genere questo è il consiglio che danno tutti, provare.
Io in realtà non sono poi così d’accordo, c’è il rischio di confondersi ulteriormente, anche perché la bici di un altro o quelle a noleggio hanno magari dei settaggi del motore personalizzati che possono modificare di molto la guida…già perché coi motori e le varie personalizzazioni o settaggi è un altro bel vespaio…. :notme:

Per finire io ti direi di fare cosi, vai da un venditore che ti ispira, gli dici quello che vuoi fare e che esperienze hai e senti cosa ti propone, intanto ti fai un idea sulle cifre e cominci ad orientarti, poi qui ne parliamo…
Multi..datato *44*

husqvarna100
Messaggi: 2265
Iscritto il: ven 02 mag, 2008 11:39 pm
Località: varese

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da husqvarna100 » sab 24 ago, 2019 3:52 pm

Ernesto Papa
Il nostro Ernesto (ex grande capo del forum) si e' dedicato da qualche anno al progetto e costruzione di bici elettriche.
Chi piu' di lui vi puo dare delle dritte?
Ernesto@ethosbikes.it

Avatar utente
Misso
Messaggi: 1676
Iscritto il: gio 03 dic, 2009 1:49 pm
Località: Parma --- BetaAlpenstein250, ApriliaPegasoTrail660

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da Misso » dom 25 ago, 2019 9:24 pm

Oggi a Berceto ho noleggiato una Cannondale ed ho fatto un giro di quattro ore con mia moglie ed una coppia di amici: divertentissimo!!!! :mrgreen: :thumbsup!: :toast:
Abbiamo fatto sterrate, single track e asfalto sia in salita che in discesa ed è stata una esperienza molto positiva. Credo che per il momento continuerò con il noleggio per capire meglio il mezzo e per attendere che il mercato si stabilizzi un po'. La bici aveva un motore Shimano i freni a disco ed era ammortizzata solo davanti. Le lunghe discese affrontate in off-road erano tutto sommate "umane" (percorsi che solitamente faccio con l'Alp in versione enduro) con frequenti tratti ghiaiati e con sassi smossi. Le ruote larghe (27,5) la forcella ammortizzata ed i freni a disco però trasmettevano una buona sensazione di sicurezza e controllo. Il motore disponeva di tre modalità: eco, Trail ed boost e mi ha aiutato in maniera impressionante anche nelle salite sconnesse più ripide. Insomma esperienza assolutamente da ripetere! ;)

radio nezz
Messaggi: 1144
Iscritto il: gio 13 dic, 2012 11:03 pm
Località: provincia di Torino

Re: Bici elettrica... quale?

Messaggio da radio nezz » dom 25 ago, 2019 10:14 pm

Non hai perso tempo, bravo! :clap:
Visto che hai provato un motore Shimano ti dico solo un paio di cose, che magari saprai già.
Non so come era settato quello che hai provato, in ogni caso le tre assistenze che hai citato sono tutte e tre programmabili ciascuna su tre livelli di assistenza: Low-Medium-High. In genere se non vengono modificate, di fabbrica escono cosi: Eco=High ; Trail=Low ; Boost=High.
Se hai notato che la differenza tra Eco e Trail non era poi cosi marcata e il Boost ti tirava su peggio di una teleferica è probabile che fossero settate così.
C'è poi una differenza da considerare, nel senso che Eco e Boost hanno una spinta fissa, ovviamente in base a come sono state impostati, mentre Trail ha una spinta "adattiva", nel senso che la percentuale di spinta non è fissa ma aumenta all'aumentare della frequenza di pedalata.
Il Boost, se settato su High, è un pò troppo strapposo per i miei gusti, può andare bene su una rampa asfaltata o sterrata liscia, ma se lo usi nel brutto e ti pianti poi ripartire è un casino, se è bagnato slitta, se ci sono foglie pure, se c'è aderenza ti tiri la bici in testa.., almeno per me è cosi.
In realtà c'è un'altra modalità di assistenza, il Walk, che si attiva tenendo premuta la levetta lunga delle assistenze, bisogna solo capire un attimo come funziona ma è comodissimo per spingere la bici quando ti pianti in salita, spingerla a forza non sarebbe proprio una passeggiata..anche se per un forzuto motociclista non dovrebbe essere un problema :mrgreen:
Mi raccomando però, quando riesci prova una full, l'ammortizzatore posteriore ti garantisce un controllo ed un comfort nettamente superiori, e la tua colonna vertebrale ringrazierà. :bye:
Multi..datato *44*

Rispondi